Ciò che rimane impresso è come si possa lavorare insieme per cambiare il valore di una cosa. Concentrandosi su un singolo oggetto e ponendolo in un contesto diverso dalla sua destinazione d’uso iniziale, i partecipanti hanno ampliato i propri orizzonti cognitivi e messo alla prova la propri immaginazione. Le abilità che porteranno con sé in futuro, grazie a questa esperienza, sono molte. Tra queste, i processi creativi e lo studio relativo alle diverse concezioni che si possono attribuire a un solo oggetto. La comunicazione, inoltre, è stata particolarmente utile per riuscire a vedere l’oggetto sotto punti di vista differenti e da prospettive diverse: ogni gruppo ha ideato il proprio progetto e lo ha portato a termine grazie a interessanti conversazioni con la docente del workshop.

Giulia Russo e Gabriele Omarini